Sei qui: Home C.T.R.H. Articoli

Articoli

In questa pagina saranno inseriti articoli sulle attività del CTRH e, più in generale, sulle attività a favore dell'integrazione degli alunni con disabilità nel territorio coperto dall'attività del Centro.
Per pubblicare un articolo basta far avere al referentente del CTRH, prof.ssa Stefania Mannino, un documento di testo (possibilmente in formato elettronico: odt, rtf, doc, pdf...) e, se si vuole, qualche immagine (anch'essa possibilmente in formato elettronico: jpg, bmp, tiff...).
L'articolo sarà preceduto da un titolo e riporterà il nome dell'autore e la data di pubblicazione.


Corsi di formazione del C.T.R.H.

PDF  Stampa  E-mail  Scritto da Anna Lisa Chiaro    Martedì 02 Aprile 2013 17:08

Pubblicata una scheda in cui sono riportati tutti i corsi di formazione attivati dal C.T.R.H.

 

Autonoma...mente

PDF  Stampa  E-mail  Scritto da Administrator    Mercoledì 14 Novembre 2012 19:27

Autonoma...mente

Di seguito le slide del corso "Autonoma...mente" della dott.ssa Cutaia

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 14 Novembre 2012 19:46
 

Riferimenti teorici ed esercizi pratici per la gestione dello stress

PDF  Stampa  E-mail  Scritto da Stefania Mannino    Lunedì 21 Maggio 2012 15:50

Il corso al quale abbiamo partecipato ha trattato tematiche relative alla genesi dello stress e alla sua gestione, attivando strategie funzionali al suo contenimento.

Durante gli incontri, 5 di tre ore ciascuno, oltre a parlare dello stress e delle difficoltà relative alla sua gestione, si è discusso della natura della rabbia, dell'aggressività e dei pensieri automatici.

Successivamente, dopo avere affrontato questi argomenti in maniera teorica, si sono messe in atto con gli insegnanti, in assetto laboratoriale, strategie di contenimento del disagio, quali alcune tecniche di rilassamento derivate da un approccio di consapevolezza corporea (mindfullness) e alcune tecniche di facilitazione della relazione d'aiuto, come l'ascolto attivo e il problem solving.

Si è lavorato anche sulle dinamiche relazionali favorendo un'apertura esperenziale sul contesto lavorativo.

Riteniamo che le tematiche affrontate siano state interessanti, ma il tempo per approfondirle insufficiente.

Avremmo infatti gradito un maggior numero di incontri.

Speriamo nel futuro di partecipare a nuove iniziative formative.

Docenti del C. D. "Don Milani" di Terrasini

Gaspare Rizzo e Sabrina Ferro

Alcune fasi delle attività


2011-12 ctrh corso stress 1


Alcune fasi delle attività del corso - 2

Pubblicato il 21/05/2012

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 14 Novembre 2012 19:44
 

La Comunicazione Aumentativa Alternativa

PDF  Stampa  E-mail  Scritto da Administrator    Venerdì 29 Aprile 2011 00:00

La Comunicazione Aumentativa Alternativa

Prof.sse C. Parisi e L.Rappa (ICS Laura Lanza - Carini)

Il corso sulla Comunicazione Aumentativa Alternativa che si è appena concluso, svoltosi presso il nostro Istituto, tenuto dalla Dott.ssa Elena Nocera, esperta Logopedista, ha permesso agli oltre 50 docenti di sostegno di ogni ordine e grado del distretto che vi hanno partecipato, di acquisire nuove competenze in ordine alle strategie da mettere in atto nella pratica didattica non solo per riuscire a comunicare in modo funzionale ed efficace con varie tipologie di alunni, sia vocali che non, ma anche per permettere a questi ultimi di acquisire un codice comunicativo spendibile nei vari contesti di vita quotidiana.

La dott.ssa Nocera con una diapositiva sul rinforzo nella CAA

Per ciascun corsista è stata anche un'occasione utile per rivedere, modificare, calibrare le proprie metodologie didattiche, sia alla luce di quanto appreso durante il corso, sia nel confronto con altri corsisti e con l'esperta.

Un'opportunità di crescita sia umana che professionale.

La dott.ssa Nocera con una diapositiva sulla richiesta nella CAA

Ma, cosa si intende per C.A.A.?

Con l'espressione C.A.A. ci si riferisce a qualsiasi comunicazione che sostituisca o implementi il linguaggio orale e/o la scrittura.

E' utile in presenza di sindromi genetiche, paralisi cerebrali infantili, disprasia, disfasia, autismo,

in condizioni neurologiche evolutive quali ad esempio la sclerosi multipla, il Morbo di Parkinson e in condizioni temporanee, ad esempio in pazienti intubati a seguito di interventi chirurgici, ecc...

Obiettivo fondamentale delle C.A.A. è quello di studiare e fornire soluzioni che facilitino la comunicazione e quindi l'interazione tra la persona e il suo ambiente di vita.

La dottoressa Elena Nocera - LogopedistaLa Dott.ssa Elena Nocera - Logopedista

Il percorso della C.A.A. parte da ogni potenziale occasione comunicativa di aggancio, privilegiando situazioni altamente motivanti, struttura un ambiente facilitante specifico che consenta controllo e prevedibilità e offra opportunità di scelta per costruire e condividere un vocabolario di immagini attraverso lo sviluppo di ausili personali di comunicazione: simboli singoli, tabelle principali, tabelle a tema, libro dei resti, voca's, ecc...

La C.A.A. non deve tuttavia essere vista come un mero insieme di tecniche riabilitative quanto piuttosto un approccio da applicare in ogni momento della vita della persona disabile permettendole di comunicare in qualsiasi momento.

Dispensa sulla CAA gentilmente messa a disposizione dalla dott.ssa Elena Nocera

pubblicato il 29/04/2011




 

Disabilità: educazione ed integrazione

PDF  Stampa  E-mail  Scritto da Administrator    Venerdì 19 Febbraio 2010 00:00

Il corso di formazione "Disabilità: educazione ed integrazione"

prof.ssa Stefania Mannino (referente CTRH)

Le attività di formazione che di norma il CTRH organizza sono rivolte principalmente ai docenti specializzati per il sostegno, con lo scopo di fornir loro validi strumenti didattici a supporto del proprio lavoro.

Quest'anno invece il CTRH si è interessato anche dei docenti curriculari organizzando per le scuole del territorio un corso di formazione dal titolo "Disabilità: educazione ed integrazione".

Il corso, appena conclusosi, è stato di supporto e di riferimento per affrontare le problematiche che quotidianamente i docenti curriculari riscontrano durante l'assenza del docente di sostegno e in presenza di alunni disabili in classe, configurandosi di grande attualità sia per la numerosa presenza di questi alunni (molti dei quali usufruiscono di un numero insufficiente di ore di sostegno) nelle classi delle scuole del territorio, sia per le tematiche affrontate.

Il corso è stato articolato in due moduli che hanno previsto, da un lato, la formazione dei docenti curricolari e, dall'altro, attività specifiche con una classe scelta e si è svolto direttamente presso le sedi delle scuole che hanno aderito all'iniziativa.

Le lezioni sono state tenute dalla dott.ssa Consuelo Cutaia, esperta psicologa dell'età evolutiva e dell'educazione, che collabora già da qualche anno con la nostra scuola e della quale abbiamo avuto modo di apprezzare le competenze e la professionalità in altri corsi di formazione organizzati dal CTRH.

Il fulcro degli argomenti è ruotato intorno alle tematiche dell'integrazione e della disabilità viste alla luce degli ultimi interventi legislativi, come ad esempio:

  • la partecipazione attiva alla gestione della classe e della realtà scolastica in generale;
  • l'attuazione di interventi psico-educativi individualizzati;
  • la riduzione di situazioni di disagio e l'implemento del benessere psicofisico degli studenti e degli insegnanti;
  • la promozione e l'informazione relativa all'inclusione sociale del soggetto con diverse abilità;
  • l'apprendimento di conoscenze, metodi, comportamenti, finalizzati alla costruzione dell'autonomia individuale e delle capacità di relazione;
  • info/formazione sulle conoscenze scientifiche relative ai concetti di "disabilità" ed "handicap" e brevi cenni di neuroanatomia;
  • modelli di intervento applicabili all'interno delle classi;
  • attivazione di gruppi esperenziali per la scelta ed organizzazione delle attività educative e per la costruzione degli algoritmi di lavoro
  • attività di sensibilizzazione sul tema delle disabilità indirizzata ai compagni di classe degli studenti diversamente abili.

pubblicato il 19/02/2010

 
Pagina 1 di 2